mercoledì 5 febbraio 2014

Dagherrotipo

Centrale Montemartini - Roma - by Paola

Rovistava in un vecchio baule trovato sepolto in soffitta in quella casa di campagna dov’era tornata dopo trent’anni.
Immaginava nel suo rovistare di sentire le voci della sua infanzia, di sentire il profumo dei tigli nel giardino e di ascoltare i passi di chi non era più lì.
Odore di pane e marmellata, la lenta goccia che cadeva nell’acquaio, lo scricchiolio della porta....ma non c’era più nulla solo polvere e quel vecchio baule.
Un piccolo pacchetto di foto trattenuto da un elastico slabbrato richiamò la sua attenzione, foto vecchie, annerite, sfuocate.
Foto che in quell’esile luce non si vedevano bene ma che servivano ad evocare.
Evocavano in un battito di ciglia momenti lontani, vissuti, spariti.........