venerdì 23 settembre 2011

Un libro

Ho appena letto l’ultima riga del romanzo “Avevano spento anche la luna” di Ruta Sepetys e per ogni riga letta è come se avessi ascoltato l’urlo silenzioso di tutto un popolo che chiedeva di essere ricordato.

E’ il racconto, attraverso gli occhi di Lina una sedicenne lituana, della deportazione sua e di migliaia di persone colpevoli solo di un “diverso pensiero”, verso la Siberia e poi ancora più a Nord verso il Circolo Polare Artico condannati ad anni di lavori forzati.

E’ la storia di un viaggio in un paesaggio senza colori tra morte, fame, dolore e umiliazione.

Con il freddo e la fame l’odio potrebbe facilmente farsi strada tra le persone eppure in maniera disarmante ogni protagonista di questo viaggio con la sua forza e le sue debolezze è necessario all’altro per sopravvivere.

Leggere questo libro è come aprire una porta sulla storia, una storia che non va dimenticata. Mai.


"Mi hanno tolto tutto. 
Mi hanno lasciato soltanto il buio e il freddo. 
Ma io voglio vivere. 
A ogni costo"
( Lina da Avevano spento anche la luna)