lunedì 30 dicembre 2013

L'osservatore

Una strada di Barcellona - by Paola

Percepiamo il tempo solo osservando ciò che passa, ciò che cambia - pensò - .
E così un bel giorno decise di affacciarsi ad un balcone ad osservare.
E vide una bambina piangere perché il suo palloncino era volato via, un uomo correre perché in ritardo per il lavoro, due ragazzi passeggiare tenendosi per mano e parlando fitto, un uomo e una donna litigare,  un giocoliere gettare in aria i suoi birilli e riprenderli ad uno ad uno....e vide ancora tante cose, tante persone, tanti eventi.
Sentì la pioggia cadere mentre osservava, senti il pallido sole scaldarlo e sentì poi l’arsura dei giorni più caldi e i primi freddi d’autunno.
Osservò e osservò ancora mentre il tempo passava finché una notte sentì un gran rumore, musica e grida festose e tanta gente ballare per strada...
Osservò ancora e capì che un anno era passato. Un anno dove aveva osservato la vita degli altri ma non aveva vissuto la sua.
Scese allora per strada e si unì a quella bambina, a quell’uomo, a quei ragazzi a tutte quelle persone.
Scese in strada e non osservò più.